Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

NBA: Milwaukee Bucks e Boston Celtics sognano in grande

NBA: Milwaukee Bucks e Boston Celtics sognano in grande
Diritti d'autore
Reuters/David Butler II
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Alla TD Garden Arena di Boston, i Celtics travolgono letteralmente i Miami Heat, soprattutto negli ultimi due quarti.

Kyrie Irving con punti e 10 assist, Al Horford con 16 punti e 12 rimbalzi: cosi Boston ha battuto Miami per la quarta volta consecutiva.

Che record per Irving: come Larry Bird!

Kyrie Irving, nato in Australia, ma naturalizzato americano, ha realizzato 20 o più punti e 10 o più assist in 11 partite, il primo giocatore dei Celtics a realizzare l'impresa dai tempi del leggendario Larry Bird, che aveva realizzato la stessa striscia consecutiva (11 partite) nel 1986-87.

David Butler II-USA TODAY Sports
Dwyane Wade alza le mani: ma non basta per fermare Kyrie Irving.David Butler II-USA TODAY Sports

Antetokounmpo trascina Milwaukee

Inarrestabile la marcia dei Milwaukee Bucks, in testa alla East Conference: vittoria per 116-106 sui Dallas Mavericks.

Straripante il greco-nigeriano Giánnis Antetokoúnmpo: i suoi 211 cm e 110 kg mettono paura. Antetokounmpo ha chiuso con 31 punti e 15 rimbalzi.

C'èra grande attesa anche per un aspetto da "fuori dal parquet": Giánnis Antetokoúnmpo era pronto per affrontare il fratello minore, Kostas, per la prima volta nella NBA. Ma Rick Carlisle, coach di Dallas, ha tenuto Kostas in panchina.

L'anima di Dallas è sempre Luka Doncic: lui 18 punti. Ma alla sua squadra non sono bastati.

Il sogno che manca dal 1971

I Bucks vanno fortissimo.
E Milwaukaee sognano un titolo NBA che manca dal 1971 (unico anello conquistato, appena al terzo anno dall'esordio della franchigia nella National Basketball Association).

La stella di quella squadra era Ferdinand Lewis Alcindor, nella leggenda come Kareem-Abdul Jabbar, per sei anni ai Bucks, poi superstar dei Los Angeles Lakers, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi dell'NBA.