Lizhang,braccio ferro su proprietà Parma

Lizhang,braccio ferro su proprietà Parma
L'imprenditore cinese, finito in minoranza, accusa Nuovo Inizio
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PARMA, 18 GEN - Jiang Lizhang, l'ex presidente del Parma Calcio 1913 declassato ad azionista di minoranza lo scorso 23 ottobre con la sua società Link, continua la battaglia per riconquistare i vertici del club emiliano. Oggi, con una nota, Link comunica di non avere solo sottoscritto l'aumento di capitale per l'attuale 30% del pacchetto azionario (come aveva comunicato lo stesso Parma Calcio 1913 una settimana fa) ma anche di avere depositato un ulteriore 30% considerandosi ancora azionista di maggioranza della società di calcio. Complessivamente Link avrebbe versato circa 7 milioni di euro, metà direttamente nelle casse del club e metà in deposito presso il notaio Napolitano & Caricato di Milano. E' questo l'ultimo atto del braccio di ferro fra Nuovo Inizio spa, la società che rappresenta un gruppo di imprenditori parmigiani, e il magnate cinese che accusa l'attuale maggioranza di aver compiuto "azioni illecite" e annuncia il ricorso a vie legali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, le Nazioni Unite: indizi di violenze sessuali durante l'attacco del 7 ottobre e sugli ostaggi

Le bande armate attaccano l'aeroporto di Haiti, quasi cinquemila detenuti liberi a Port-au-Prince

Guerra in Ucraina: Kiev affonda nave di Mosca, 44 attacchi russi a Sumy e due morti nel Donetsk