EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

USA: fugge dal killer dei suoi genitori, Jayme è viva

USA: fugge dal killer dei suoi genitori, Jayme è viva
Diritti d'autore 
Di Giulia Garofalo
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sparita in Wisconsin dal 15 ottobre, la tredicenne Jayme Closs e' stata ritrovata viva. E' riuscita a liberarsi e fuggire dal presunto omicida dei suoi genitori, nonchè suo aguzzino, Jake Patterson, 21enne disoccupato.

PUBBLICITÀ

Jayme Clossè viva.

Scomparsa dal 15 ottobre, la tredicenne del Wisconsin è stata ritrovata in seguito alla fuga dal suo aguzzino, Jake Patterson, accusato di aver ucciso i genitori di Jayme per poi rapirla.

Si erano perse le tracce della ragazza, dopo che i suoi genitori, James e Denise, erano stati massacrati a colpi di arma da fuoco nella loro casa a Barron, nel Wisconsin.

Lo Sceriffo della Contea di Barron, Chris Fitzgerald, ha reso noto che l'obiettivo dell'incursione era solo la ragazza e non la famiglia, annunciando ai media che "Jayme è stata rapita e trascinata forzatamente fuori di casa. Ma, finalmente, è riuscita a liberarsi e scappare dall'abitazione in cui era stata nascosta e rinchiusa. Ha trovato aiuto presso una famiglia nelle vicinanze. Per il momento, escludiamo che il sospettato abbia avuto contatti con la famiglia della ragazza. Riteniamo che Jayme sia stato l'unico obiettivo".

Le autorità della Contea e gli investigatori hanno confermano che il responsabile del rapimento, un** ventunenne** disoccupato, è stato arrestato. E informano che il giovane abbia pianificato le sue azioni prendendo misure caute per nascondere la propria identità dalle forze dell'ordine e dai cittadini che hanno collaborato nella ricerca della ragazza.

L'autore di questa storia di torbida ossessione, il presunto killer Jake Patterson, risultava incensurato e aveva la reputazione di ragazzo tranquillo e 'studioso' a Gordon, dove viveva. E' già fissata per lunedi' la sua comparsa in tribunale che stabilirà la pena per la gravità dei reati commessi.

"Grazie per averla portata a casa" - è il messaggio della comunità locale e del resto della famiglia di Jayme.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Florida: cinque morti per sparatoria in banca, arrestato il colpevole

Omicidio sul set di Rust: condannata l'armaiola, attesa per il processo ad Alec Baldwin

Serbia, investono una bambina di due anni e nascondono il corpo: arrestati due uomini