ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Operazione contro cosche lametino, fermi

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CATANZARO, 10 GEN – I Carabinieri del Comando
provinciale di Catanzaro e Reparti speciali hanno eseguito,
nella provincia ed in alcune località del nord, 12 fermi
nell’ambito dell’operazione Reventinum contro presunti affiliati
a due contrapposte cosche di ‘ndrangheta, gli Scalise ed i
Mezzatesta. Il provvedimento è stato emesso dalla Dda
catanzarese guidata da Nicola Gratteri. Alcuni Indagati sono
accusati anche di violenza privata e sequestro di persona
dell’avvocato Francesco Pagliuso, ucciso in un agguato il 9
agosto 2016 a Lamezia Terme. Il sequestro sarebbe avvenuto 2
anni prima. Per il delitto, nel 2018, è stato arrestato Marco
Gallo, ritenuto dall’accusa un sicario a pagamento. Per gli
inquirenti, Pagliuso sarebbe stato ucciso per una vendetta
trasversale ed in particolare per la sua vicinanza a Domenico
Mezzatesta, l’ex vigile urbano che insieme al figlio Giovanni
uccise, nel 2013 in un bar di Decollatura, Giovanni Vescio e
Francesco Iannazzo, ritenuti vicini alla famiglia Scalise.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.