Carige:Fi,nazionalizzazione provocazione

Carige:Fi,nazionalizzazione provocazione
Non è né necessaria, né auspicabile
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 10 GEN - "La nazionalizzazione di Banca Carige annunciata ieri da Matteo Salvini e Luigi Di Maio (con il sottosegretario Giancarlo Giorgetti perplesso), non è né necessaria, né auspicabile ed è solo l'ennesima provocazione di questo Governo di dilettanti allo sbaraglio che rischia, tra le altre cose, di aprire un altro fronte di scontro con l'Unione Europea, nell'esatto momento in cui questa sta sorvegliando attentamente l'andamento dei conti pubblici italiani". Lo afferma Renato Brunetta di Fi. "Non si capisce bene per quale motivo, infatti, i principali esponenti del Governo abbiano espresso la volontà di statalizzare la banca, improvvisandosi banchieri senza averne né le capacità né la conoscenza della normativa europea sui salvataggi bancari (direttiva BRRD)", conclude Brunetta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'esercito israeliano a Ramallah e Betlemme. Arresti e morti in Cisgiordania e a Gaza

Riuscirà la Macedonia del Nord a eliminare il carbone entro il 2030? Più fondi per l'energia pulita

Usa, nuove accuse contro Hunter Biden per reati fiscali: "Vita stravagante senza pagare le tasse"