ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

la Central European University verso Vienna

la Central European University verso Vienna
Dimensioni di testo Aa Aa

La Università Europea Centrale (CEU) finanziata da George Soros si sta preparando per lasciare l'Ungheria di Orbán dopo un processo di ricostruzione durato due anni. Ben prima che sia ufficializzato e autorizzato il trasferimento a Vienna, come emerso nei giorni scorsi, il cancelliere Sebastian Kurz e il finanziere e filantropo americano hanno già trovato un accordo.

Kurz lo ha anche annunciato via Twitter:

"Ho avuto un incontro con George Soros sul trasferimento della sua universita a Vienna questa sera. Abbiamo anche parlato di questioni europee e internazionali"

"Siamo molto fortunati e molto felici sulla scelta di Vienna come luogo dove avrà sede il terzo campus dell'università. Molte sono le buone ragioni per cui scegliere una location come Vienna così come per Vienna molte sono le buone opportunità", ha riferito ai nostri microfoni il Direttore Generale dell'agenzia che si occupa del trasferimento a Vienna, Gerhard Hirczi.

L'ateneo si è trovato costretto a ripensare la sua collocazione dopo essere finito nel mirino del primo ministro ungherese Viktor Orbán, apertamente ostile alla Central European University e soprattutto al suo fondatore. Secondo gli accordi attuali, Vienna ospiterà già nell'autunno 2019 i primi corsi in uno spazio vicino all'ospedale Otto Wagner. Non è ancora chiaro se la Ceu abbandonerà definitivamente Budapest, ma negli scorsi mesi è emersa l'ipotesi di un “piano B” per il trasloco in blocco di tutti gli studenti dell'anno accademico 2019-2020.

"Il centro medico Otto Wagner Spital - riferisce il nostro inviato Euronews Daniel Bozsik - che vedete alle mie spalle, è sede di molte strutture ospedaliere. Lasciando la sede di Budapest la Università Centrale Europea di Soros dovrà dare in affitto 15 edifici che ospitano ora 1500 studenti e danno lavoro a 500 persone".