ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il giorno che potrebbe cambiare la storia del Brasile

Il giorno che potrebbe cambiare la storia del Brasile
Dimensioni di testo Aa Aa

I brasiliani si apprestano a tornare alle urne, questa domenica, per il secondo turno delle elezioni presidenziali. A confrontarsi sono Jair Bolsonaro, il candidato del Partito social-liberale e Fernando Haddad, del Partito dei lavoratori.

È un voto che potrebbe cambiare la storia del Paese sudamericano, perché se a vincere fosse l'uomo del Psl, per la prima volta il Brasile finirebbe nelle mani di un presidente di estrema destra.

I sondaggi per ora parlano chiaro: Bolsonaro, che aveva ottenuto oltre il 46% dei voti al primo turno, è il favorito alla successione del conservatore Michel Temer. Anche se il suo avversario ha accorciato le distanze.

"Il movimento che sostiene Bolsonaro sotto molti aspetti è simile a quello che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca", spiega l'esperto di America Latina, Richard Lapper. "Credo che Bolsonaro proverà a ingraziarsi gli americani".

L'avversario di Bolsonaro, Fernando Haddad - ex sindaco di San Paolo - è il delfino dell'ex presidente Lula da Silva, al momento in carcere per scontare un condanna di 12 anni per corruzione. Al primo turno, il candidato del partito dei lavoratori - lo stesso di Lula e Dilma Roussef - non ha raggiunto il 30 per cento.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.