Usa: pacchi bomba, "pronti ad esplodere"

Usa: pacchi bomba, "pronti ad esplodere"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ha confermato in conferenza stampa il capo dell'Fbi

PUBBLICITÀ

In tutto sono 14 gli ordigni esplosivi rinvenuti fino ad adesso che hanno seminato il terrore in tutti gli Stati Uniti. Nel giro di 48 ore l'Fbi ha arrestato quello che per adesso è considerato il principale sospettato, incastrato da tracce di Dna lasciate sui pacchi: è un uomo bianco di 56 anni, Cesar Sayoc, nato a New York, dove ha conservato vari legami, ma residente vicino da Miami, Florida, da dove sono stati spediti molti dei pacchi. Il direttore dell'FBI Wray ha chiarito che si trattava ordigni pronti ad esplodere

"Le analisi in laboratorio hanno portato alla luce un impronta digitale che si trovava su un pacco inviato al repubblicano Maxine Waters", ha fatto sapere il capo dell'Fbi che ha continuato "Siamo in grado di confermare che l'impronta è quella di Cesar Sayoc. L'arresto di oggi non significa che siamo fuori pericolo. Potrebbero esserci altri pacchi in tranisto diretti verso altri luoghi".

Donald Trump si rammarica che la vicenda dei pacchi bomba sospetti stia distraendo dalle elezioni di Midterm proprio quando, a suo avviso, il Grand old party sta avendo buoni risultati.

Il presidente Trump fino ad oggi ha dato la colpa ai media e alle fake news le notizie false che avrebbero contribuito ad alimentare il clima di tensione che avrebbe portato ad episodi di violenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: uccisi tre figli del leader di Hamas Haniyeh in un bombardamento israeliano

Yemen: cinque attacchi Houthi verso navi di Regno Unito, Israele e Usa nel Mar Rosso

New York, avvertito terremoto magnitudo 4,8 con epicentro in New Jersey, chiusi gli aeroporti