ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dal premio a Jane Fonda agli appelli di Bardem, tutto il meglio del festival di Lione

Lettura in corso:

Dal premio a Jane Fonda agli appelli di Bardem, tutto il meglio del festival di Lione

Dal premio a Jane Fonda agli appelli di Bardem, tutto il meglio del festival di Lione
Dimensioni di testo Aa Aa

La consegna del premio Lumière a Jane Fonda ha concluso il Film festival di Lione. L’attrice e attivista ha incantato il pubblico con la sua allegria e la sua ironia.

Nove giorni di proiezioni ed eventi alla presenza di tante star e di un pubblico numeroso.

"Per me è il piacere più grande, ritemprarsi così, tornando all’origine e alle origini del cinema. E’ importante oggi, dove tutto va così veloce e tutto passa troppo rapidamente, fermarsi e riascoltare un po’ le lezioni del passato", ha detto James Thierree, nipote di Charlie Chaplin.

"Questo è anche un festival di pubblico, quando si va a vedere un film, si è insieme al pubblico. E’ questo mi fa ripensare a quando ero giovane, e sognavo di diventare un attore", è il commento dell'inteprete francese Tahar Rahim.

REUTERS/Emmanuel Foudrot
Bardem al festival di LioneREUTERS/Emmanuel Foudrot

Tra gli ospiti più attesi l’attore Javier Bardem, protagonista di presentazioni e masterclass. Nel 2012 realizzò un documentario dedicato alla situazione nel Sahara occidentale. Un argomento, quello delle migrazioni, che gli sta a cuore.

"L’Europa dovrebbe smettere di maledire e mettere all’indice queste ong straordinarie come Open Arms, con Aquarius, che stanno salvando delle vite, perchè salvare vite non è un crimine, salvare vite è un diritto umano, stanno dando il diritto di vivere a questi migranti che annegano negli oceani", ha detto l'attore spagnolo a Euronews.

Jane Fonda è nota anche per il suo attivismo. Il documentario FTA, proiettato durante il festival, seguì il suo tour contro la guerra del Vietnam negli Stati Uniti negli anni Settanta.

« Il festival non è politico, sono i film ad esserlo. Molte persone ignoravano che Jane Fonda, negli anni Settanta, è stata una militante. E’ stata sorvegliata dall’Fbi, fermata dalla polizia. Ha messo il suo status di star al servizio delle convinzioni pacifiste”, ha spiegato a Euronews il direttore del festival Thierry Frémaux.

REUTERS/Emmanuel Foudrot
L'inaugurazione del festivalREUTERS/Emmanuel Foudrot

Quaranta le location in città, 187 i film proiettati durante il festival. Circa 184 mila gli spettatori che hanno affollato le sale.

REUTERS/Emmanuel Foudrot
Thierry Fremaux all'inaugurazione della kermesseREUTERS/Emmanuel Foudrot

“C’è un oceano di film, c’è una programmazione infinita perchè la storia del cinema è piena di tesori”, ha aggiunto Frémaux.

Altro da cinema