EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Archeologia marina: forse ritrovata la nave di James Cook

Archeologia marina: forse ritrovata la nave di James Cook
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il capitano scoprì fra l'altro Australia e Nuova Zelanda

PUBBLICITÀ

I ricercatori palpitano. Forse ritrovato il relitto della Endeavour. È stata la prima nave europea a raggiungere la costa est dell’Australia. E adesso 250 anni dopo il viaggio di James Cook, partito nel 1768 dal Regno Unito, in cui furono scoperte l’Australia e la Nuova Zelanda, riappare al largo della costa del Rhode Island, negli Stati Uniti: un team di ricercatori americani e australiani dicono di aver individuato il relitto.

Gli esperti hanno dichiarato di aver ristretto la ricerca a «uno o due sit appena fuori l’isola di Goat, nella baia di Narrangasett, a Newport Harbor.

Il brigantino partì da Plymouth, nel sud dell’Inghilterra, nel 1768, e sbarcò in Australia in quella che fu chiamata Botany Bay, vicino all’odierna Sydney, nell’aprile del 1770. La spedizione portò fama e successo a Cook, che esplorò il Pacifico altre due volte, su un’altra nave, fino a quando fu ucciso nelle isole Hawaii nel 1779.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Recuperati in Belgio reperti archeologici trafugati in Puglia

Risolto dagli scienziati l'enigma del più antico 'calcolatore' al mondo

Dietro le pareti di un bar un bagno moresco del XII Secolo. La scoperta a Siviglia