EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Catalogna alla guerra (dei nastri gialli)

La Catalogna alla guerra (dei nastri gialli)
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

C'è chi li mette e chi passa per rimuoverli. Ieri semplice simbolo della lotta per la liberazione dei politici arrestati, oggi sono diventati oggetto di tensioni e di un più vasto dibattito sull'uso di spazi pubblici e istituzionali

Sì o no a simboli indipendentisti in spazi pubblici e istituzionali? Viaggio nella Catalogna che si interroga e prepara alla "Guerra dei nastri gialli"

PUBBLICITÀ

Dei nastri gialli per chiedere la liberazione dei politici arrestati. Su alberi e muri di alcune città catalane troneggiano simboli di una battaglia contro Madrid, che alimenta però anche il dibattito sull'uso di spazi pubblici e istituzionali. "Ricordiamo che ci sono ancora prigionieri politici ed esiliati - il messaggio diffuso dai megafoni del Comune della città di Vic - non perdiamo di vista l'obiettivo: l'indipendenza della Catalogna". Tra i residenti, c'è chi giustifica l'iniziativa, ritenendola del tutto normale: "Chi siede in Consiglio Comunale - ci dice una donna - è lì perché lo abbiamo votato. È quindi assolutamente normale che assecondi la volontà popolare". 

"Libertà per i prigionieri politici" si legge sullo striscione appeso sull'edificio comunale di Vic

C'è chi dice no: "Le istituzioni non sono di unionisti o secessionisti: dovrebbero esser di tutti"

Dei 21 consiglieri comunali solo quello della formazione "Vic per a Tots", Vic per tutti si oppone all'iniziativa. "La riteniamo sbagliata, perché incarna una forma di propaganda - ci dice Arnau Martí -, fa apologia di un'opinione politica e non rispetta la neutralità che dovrebbe essere propria delle istituzioni. Le istituzioni pubbliche non dovrebbero essere al servizio di unionisti o secessionisti, ma al servizio di tutti".

Metti il nastro, togli il nastro: sembra una ripicca e invece è molto di più

Se molti istoriano Vic con i famosi nastri gialli, altri invece li rimuovono. Un braccio di ferro che secondo alcuni riflette la politica di Madrid. "È la tattica degli spagnoli per screditarci - ci dice un residente di Sant Hipòlit de Voltregà, una città vicina -: violenza, violenza e ancora violenza. E se continuano così ci si arriverà davvero. Ma certo non da parte di chi mette, ma da chi rimuove i nostri simboli". Libertà di espressione o abuso di spazi pubblici e istituzionali? Mentre a Vic e tanti altri centri catalani il dibattito ferve, la tensione continua a salire. Al punto da far già parlare molti di "Guerra dei Nastri gialli".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Catalogna in piazza per l'indipendenza: "Diamo voce ai politici in prigione"

Spagna: la Corte Suprema conferma il mandato di arresto per Puigdemont dopo l'amnistia

Nuova Caledonia, mobilitati gli agenti francesi per riprendere la strada dell'aeroporto