ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq, Bassora: è ancora guerriglia urbana

Lettura in corso:

Iraq, Bassora: è ancora guerriglia urbana

Iraq, Bassora: è ancora guerriglia urbana
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'ulteriore notte di vera e propria guerriglia urbana ha scosso nelle ultime ore la città irachena di Bassora, nel sud dell'Iraq, come ormai accade tra l'altro da diversi giorni: alcune sedi istituzionali come comune, provincia e governatorato sono state prese d'assalto e un edificio governativo è andato anche a fuoco. Sinora il bilancio è di circa un centinaio di feriti, tra cui anche alcuni agenti, e dieci i morti.

Le cause che hanno fatto scoppiare le proteste dei cittadini risiederebbero nella mancanza di servizi essenziali, quali acqua potabile ed elettricità, e nella corruzione di politici e miliziani filo-iraniani.

"Perché i politici vivono in modo confortevole, siedono in parlamento come se si trovassero in una zona verde esclusa dalla vita reale e i nostri giovani preparati, istruiti devono lavorare nei mercati o a vendere cipolle, mentre loro si spartiscono i migliori lavori governativi?" Lo grida a gran voce una donna tra i manifestanti. E proprio le donne sono diverse a manifestare per le strade di Bassora.

I leader delle principali milizie sostenute dall'Iran intanto sono fuggiti verso Baghdad.

ULTIM'ORA: Il governo iracheno - scrive l'ANSA - ha imposto il coprifuoco a Bassora, a partire dalle 21 ora locale di questa sera 7 settembre 2018 (le 20 in Italia), dopo che in serata alcuni dimostranti avevano appiccato il fuoco al consolato iraniano della citta' nel sud dell'Iraq. Lo

riferisce la Bbc. Il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Bahram Qassemi, ha condannato l'attacco, aggiungendo che l'incendio ha causato "considerevoli danni materiali". Il personale, aggiungono i media iraniani, aveva gia' lasciato la sede diplomatica prima che fosse dato alle fiamme.