ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parigi: accoltellamento a Trappes, non sarebbe terrosimo

Lettura in corso:

Parigi: accoltellamento a Trappes, non sarebbe terrosimo

Parigi: accoltellamento a Trappes, non sarebbe terrosimo
@ Copyright :
Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

Indagini a tutto campo in Francia dopo l'attacco nel corso del quale due persone (oltre l'attentatore) sono state uccise ed un'altra ferita da un uomo armato di coltello a Trappes, periferia occidentale di Parigi.

Inizialmente si era parlato di un possibile atto terroristico, con l'ISIS che lo avrebbe rivendicato In realtà si tratterebbe di una lite familiare o di un gesto inconsueto dell'aggressione, che ha ucciso la madre e la sorella e ferito una passante.

Era schedato come islamista radicale l'uomo che ha ucciso a coltellate due donne, e ferito un'altra, a Trappes, nei pressi di Parigi. Pare soffrisse di disturbi psichici - è stato poi ucciso dalla Polizia durante un blitz.

"L’omicida ha trovato rifugio inizialmente in una casa da cui poi è uscito", recita un comunicato della Gendarmérie: a quel punto, "dopo aver minacciato i poliziotti presenti sul posto, è stato ucciso".

L'uomo è entrato in azione intorno alle 10.40 in rue Claudel, non lontano da Versailles, ed a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo poco prima del decesso.

L'operazione di Polizia nei confronti dell'assalitore, 36enne, è durata circa mezz'ora.

Reuters

Il Ministro degli Interni, Gérard Collomb, nonostante la rivendicazione, lascia aperto il campo anche ad altre ipotesi investigative.

"Il caso di oggi ¨lascia trasparire un importante problema psichiatrico - afferma il Ministro -: sì, l'uomo era segnalato nel registro dell'antiterrorismo, ma nel complesso si tratta di una persona squilibrata più che un attivista impegnato, in grado di rispondere agli ordini di un'organizzazione terroristica come l'ISIS".

Le vittime sono, infatti, la madre e la sorella dell’aggressore: alcune fonti riferiscono che l’uomo, con forti problemi psichici, di depressione e alcolismo, qualche anno fa, era stato condannato per apologia al terrorismo.