EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Olocausto dimenticato di Rom e Sinti

L'Olocausto dimenticato di Rom e Sinti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il 2 agosto, anniversio dello sterminio di 3mila nomadi nelle camere a gas di Auschwitz avvenuto nel 1944, si celebra la giornata europea della memoria: sono tra i 220mila e i 500mila i Rom e i Sinti uccisi dai nazisti e dai loro alleati nel corso della seconda guerra mondiale

PUBBLICITÀ

È considerato l'Olocausto dimenticato. Ogni anno, il 2 agosto, si celebra la Giornata europea dedicata alle vittime del genocidio Rom avvenuto durante la seconda Guerra mondiale. 

Una ricorrenza istituita dal Parlamento europeo nel 2015 e particolrmente sentita a Ustica, in Croazia: il villaggio sorge a poca distanza dal campo di concentramento di Jasenovac, dove tra il 1941 e il 1945 sono morte più di 16mila persone di etnia Rom e Sinti.

Alle celebrazioni tenutesi nel cimitero di Ustica hanno partecipato delegazioni rom di vari paesi.

Non ci sono cifre ufficiali, ma si stima che il numero di Rom e i Sinti uccisi nel corso del conflitto oscilli tra i 220 mila e gli oltre 500mila.

Il genocidio viene ricordato il 2 agosto perché è in questa data che, nel 1944, 3mila Rom - tra cui molti bambini - furono uccisi nelle camere a gas di Auschwitz-Birkenau come rappresaglia per la ribellione di uomini, donne e bambini che, armati di sassi e bastoni, nel maggio di quell'anno avevano costretto le SS che volevano sterminarli alla ritirata. 

Quasi 20.000 persone sono state uccise ad Auschwitz. La stragrande maggioranza delle vittime dell'Olocausto Rom è stata però ammazzata a colpi di arma da fuoco o è morta a causa delle cattive condizioni di salute nei nei campi di internamento.

"Vittime dimenticate"

La persecuzione dei Rom da parte del regime nazista iniziò nel 1933; in seguito venne introdotta una legislazione discriminatoria che includeva lavori forzati e sterilizzazione. Ma si è dovuto attendere fino al 1979 perché le autorità tedesche ammettessero la persecuzione "a sfondo razziale", consentendo ai parenti delle vittime di richiedere un risarcimento e di ottenere il riconoscimento ufficiale del loro status.s

"Non c'è posto, nelle nostre società europee moderne e nel discorso politico, per la disumanizzazione dei rom o di altri gruppi minoritari. Le atrocità del passato ci ricordano che l'uguaglianza e la non discriminazione sono valori che non possono essere dati per scontati: il loro rispetto richiede la nostra costante attenzione e la nostra disponibilità a sfidare coloro che li attaccano", shanno dichiarato congiuntamenteFrans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione europea, assieme a Vero Jourova, commissario europeo per la giustizia.

"A distanza di sette decenni, i sinti e i Rom devono ancora affrontare quotidianamente odio, violenza, discriminazione e razzismo. E molti non hanno ancora accesso a beni di prima necessità come alloggi decenti, istruzione e assistenza sanitaria", ricordarono l'anno passato.

Circa l'80% della popolazione rom europea "vive ancora a rischio di povertà", secondo un rapporto dell'Agenzia Ue per i diritti fondamentali.

L'agenzia ha anche sottolineato che "le forme più odiose di antiziganismo, di crimini motivati dall'odio e di molestie continuano a ostacolare l'inclusione dei Rom" nelle società europee. Un Rom su tre, tra gli intervistati, è stato oggetto di qualche forma di molestia.

Vera Jourova parteciperà alla funzione di Auschwitz-Birkenau per ricordare lo sterminio dell'ultimo Rom nel campo di concentramento nazista, 75 anni fa. Altri eventi sono stati programmati in tutta Europa per celebrare la ricorrenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Giornata della Memoria, Di Cave: "l'allarme non riguarda i soli ebrei"

I Giochi mondiali dei nomadi: il Kirghistan fra sport e cultura

Francia: nomadi in sommossa contro mancato permesso a due carcerati per funerale