EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Zoo in Egitto accusato di aver cammuffato un asino da zebra

Zoo in Egitto accusato di aver cammuffato un asino da zebra
Diritti d'autore Mahmoud Sarhan
Diritti d'autore Mahmoud Sarhan
Di Alice Cuddy
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il direttore della struttura del Cairo nega, dicendo che l'animale è al 100% una zebra. Giudicate voi.

PUBBLICITÀ

Uno zoo in Egitto è stato accusato di cammuffare un asino da zebra dopo il diffondersi virale di una fotografia su Facebook.  

L'ha postata Mahmoud Sarhan dopo un suo viaggio al parco municipale del Cairo, i Giardini Internazionali.

Gli utenti del social media hanno notato che la "zebra" avrebbe delle orecchie un po' troppo lunghe per la sua specie e le sue strisce appaiono "sbavate". Ne è sorto un dibattito per stabilire che tipo di animale si celasse sotto quella che è parsa essere vernice. 

Ingrandimento della "zebra-asino" (Mahmoud Sarhan)

"Fin dal primo sguardo ho saputo che si trattava di un asino, non di una zebra. Sono un artista, conosco la forma degli asimi e quella delle zebre, è facile distinguerli" ha detto Mahmoud Sarhan a Euronews.

Lo zoo ha negato che la zebra sia "falsa": è al 100% autentica, ha dichiarato il direttore Mohamed Sultan alla stazione radio locale Nogoum FM.

L'International Garden non è il primo zoo accusato di ingannare i suoi visitatori.  

Uno zoo di Gaza, nel 2009, dipinse degli asini acquistati per 700 dollari per farli sembrare zebre (che costerebbero altrimenti 30mila dollari, scrive l'Huffington Post). 

In uno zoo cinese, parimenti, un animale descritto come "leone africano" si è rivelato essere, nel 2013, un cane mastino tibetano.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Egitto: niente calcio per i copti, la storia di Mina Bindari

Appello della Colombia: qualche zoo vuole gli ippopotami di Pablo Escobar?

Guerra a Gaza: sviluppi negli accordi tra Hamas e Israele, mercantile carico di aiuti parte da Cipro