ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tregua sulla commerciale commerciale transatlantica

Tregua sulla commerciale commerciale transatlantica
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Europa tira un sospiro di sollievo giovedì, dopo l'incontro tra il presidente degli Stati Uniti e il Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea. Donald Trump ha accettato di astenersi dall'imporre dazi commerciali all'Unione europea ma né i funzionari di Bruxelles, né la Casa Bianca hanno offerto i dettagli sull'accordo, che sempre per lo più simbolico.

Peter Rashish, professore presso la Johns Hopkins University a Washington ritiene che si tratti comunque di un risultato positivo.

"È la prima volta che questa amministrazione afferma che il libero scambio può portare a risultati positivi. Trump ha detto che il commercio tra Stati Uniti e Unione europea può essere vantaggioso per entrambe le parti. In precedenza c'era la tendenza a vedere le relazioni commerciali come dannose per gli interessi degli Stati Uniti".

Trump ha affermato che "L'Unione europea comincerà quasi immediatamente a comprare molti semi di soia. Ma l'Europa acquista già molta soia americana da quando i prezzi sono crollati a giugno,dopo che la Cina ha smesso di acquistarli per via dei dazi.

Il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, ha accolto con favore le discussioni a Washington, ma ha dichiarato che sull' agricoltura non si fanno compromessi e deve rimanere al di fuori di ogni negoziato.

I colloqui miravano non solo a rimuovere i dazi statunitensi sull'acciaio e sull'alluminio ma anche quelli che l'America minaccia sulle auto europee e le misure di ritorsione applicate da Bruxelles.

"Juncker non è venuto con delle concessioni europee - spiega Pascal Lamy, ex-direttore dell'organizzazione mondiale per il commercio- ma è venuto con il risultato delle discussioni con i cinesi. Bisogna vederla in questo modo: si è schierato con gli Stati Uniti per fare pressione sulla Cina e schierarsi con la Cina per fare pressione sugli Stati Uniti".

Ma data l'imprevedibilità di Trump, la saga sulla gu