EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'appello del Papa: "Fermate i naufragi"

L'appello del Papa: "Fermate i naufragi"
Diritti d'autore 
Di Eloisa Covelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Francesco non dimentica i migranti nell'Angelus dedicato al racconto del rapporto di Gesù "con i poveri e i sofferenti". Intanto Open Arms smentisce la notizia secondo cui avrebbe denunciato l'Italia

PUBBLICITÀ

Il Papa, all'Angelus in Piazza San Pietro di domenica 22 luglio, è tornato a parlare dei migranti morti in mare. Ha espresso dolore per le tragedie e assicurato di ricordare i morti e i familiari nelle sue preghiere. Poi ha rivolto un appello alla comunità internazionale "affinché si agisca con decisione e prontezza onde evitare che simili tragedie si ripetano, nel rispetto dei diritti e della dignità di tutti".

L'ultima tragedia riguarda la morte di una donna e un bambino, che secondo la Open Arms sarebbero stati lasciati in mare dalla guardia costiera libica. Assieme a loro Josepha, che è stata invece salvata il 17 luglio da una nave della Ong spagnola, e ora si trova a Palma di Mallorca, nonostante l'Italia gli avesse offerto di attraccare a Catania, porto rifiutato dalla Ong perché considerato poco sicuro. La guardia costiera libica ha respinto tutte le accuse e ha chiesto una commissione d'inchiesta neutrale.

Reuters
Josepha, la donna salvata da Open ArmsReuters

Intanto in comunicato stampa la Open Arms ha smentito la notizia, pubblicata dai giornali italiani, secondo cui la Ong avrebbe denunciato l'Italia per omissione di soccorso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Open Arms approda a Palma de Mallorca, confermato l'abbandono dei due cadaveri dai libici

Morti nel mediterraneo: quali responsabilità?

Josefa, unica sopravvissuta al naufragio. Le versioni di Libia, Open Arms e n-tv