EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Open Arms approda a Palma de Mallorca, confermato l'abbandono dei due cadaveri dai libici

Open Arms approda a Palma de Mallorca, confermato l'abbandono dei due cadaveri dai libici
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Due imbarcazioni della ONG spagnola Proactiva sono entrate nel porto di Palma di Maiorca in Spagna sabato mattina scortate da una nave della Guardia Civil. La Open Arms, nei giorni scorsi ha recuperato i cadaveri di una donna e un bambino al largo della Libia

PUBBLICITÀ

Due imbarcazioni della ONG spagnola Proactiva sono entrate nel porto di Palma di Maiorca in Spagna, sabato mattina, scortate da una nave della Guardia Civil. Una delle due navi, la Open Arms, nei giorni scorsi ha recuperato i cadaveri di una donna e un bambino al largo della Libia (lasciati dalla Guardia Costiera libica) e salvato Josefa, una donna di origini camerunensi rimasta per due giorni in mare tra i resti di un gommone.

Secondo la Open Arms, le motovedette di Tripoli hanno distrutto il barcone di migranti e lasciato in mare quelli che si rifiutavano di salire a bordo, mentre in una intervista al quotidiano italiano La Stampa il colonnello della Guardia Costiera di Misurata, Tofag Scare, ha spiegato le dinamiche del salvataggio di 165 persone e però ha confermato l'abbandono in mare dei due corpi.

"Abbiamo lasciato in mare solo i due corpi senza vita di una donna e un bambino dopo aver provato invano a rianimarli: erano morti e portarli a terra non aveva alcun senso, ma oltre loro non c’era nessun altro in acqua" ha detto Scare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chiuse indagini su Open Arms: violenza privata e favoreggiamento immigrazione clandestina

L'appello del Papa: "Fermate i naufragi"

Josefa, unica sopravvissuta al naufragio. Le versioni di Libia, Open Arms e n-tv