ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Skripal, morti gli animali domestici di Sergei e Yulia

Lettura in corso:

Caso Skripal, morti gli animali domestici di Sergei e Yulia

Caso Skripal, morti gli animali domestici di Sergei e Yulia
@ Copyright :
La casa degli Skripal a Salisbury REUTERS/Hannah McKay
Dimensioni di testo Aa Aa

Il caso Skripal ha fatto le sue prime vittime.

Si tratta dei due porcellini d'india trovati senza vita nella casa di Sergei Skripal e di un gatto che ha dovuto essere abbattuto. Lo hanno rivelato funzionari del governo britannico parlando in relazione all'attacco con l'agente nervino che ha colpito l'ex spia russa Sergei e la figlia, Yulia (che peraltro ha parlato ieri per la prima volta).

"Il veterinario che ha potuto accedere alla proprietà ha constatato purtroppo la morte dei due guinea pigs", ha detto un portavoce dell'esecutivo. "Un gatto è stato trovato in stato tribolante e un chirurgo veterinario ha deciso di abbattere l'animale per alleviarne le sofferenze. Questa decisione è stata presa nell'interesse dell'animale", ha aggiunto.

_Cosa sappiamo del caso Skripal _

La casa degli Skripal nel Wiltshire, Regno Unito, è al centro delle indagini dalla fine di marzo, quando i detective della polizia metropolitana di Londra hanno affermato di credere che proprio lì i due sono venuti in contatto con l'agente nervino. La più alta concentrazione della sostanza è stata trovata sulla porta d'ingresso.

Skripal e la figlia Yulia sono stati trovati privi di sensi su una panchina di un parco di Salisbury, nel sud-ovest dell'Inghilterra, il mese scorso, dopo essere stati esposti all'agente nervino Novichok. Il governo britannico ha accusato la Russia di aver condotto l'attacco, cosa che il Cremlino ha negato con veemenza.

L'escalation del conflitto ha portato all'espulsione di oltre 100 diplomatici russi da circa 20 paesi occidentali, tra cui Regno Unito, Stati Uniti e 18 membri dell'Unione europea. La rappresaglia russa si è concretizzata nell'espulsione di un analogo numero di diplomatici occidentali.

In una dichiarazione di giovedì 6 aprile, la polizia metropolitana ha riferito che Yulia Skripal ha detto di essere uscita dal coma più di una settimana fa e di stare migliorando giorno per giorno. Nessuna notizia da parte britannica sulle condizioni di Sergei.

All'inizio di questa settimana, Mosca aveva sollevato preoccupazioni circa il benessere degli animali domestici di Skripal prima di dire al Consiglio di sicurezza di emergenza delle Nazioni Unite giovedì che la Gran Bretagna stava "giocando col fuoco".

Mercoledì la Russia si è vista respinta la richiesta di un'indagine congiunta sulla vicenda da parte del Consiglio esecutivo dell'Opac, l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche.