ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Skripal, ambasciatore russo: "Gran Bretagna scherza col fuoco"

Lettura in corso:

Caso Skripal, ambasciatore russo: "Gran Bretagna scherza col fuoco"

Caso Skripal, ambasciatore russo: "Gran Bretagna scherza col fuoco"
@ Copyright :
REUTERS/Lucas Jackson
Dimensioni di testo Aa Aa

Il caso Skripal ha monopolizzato la seduta del Consiglio di Sicurezza dell'Onu a New York. Nervi tesi tra Russia e Gran Bretagna, con gli ambasciatori dei due paesi protagonisti di un duro botta e risposta. "Questo caso è una montatura - ha detto l'ambasciatore russo Vassily Nebenzia -. Una campagna coordinata per screditare e delegittimare la Russia, collegata alla posizione di Mosca sul dossier delle armi chimiche in Siria. Abbiamo detto ai nostri colleghi britannici che stanno giocando con il fuoco e se ne pentiranno. A dispetto del nome, il termine Novichok non è stato coniato in Russia. A farlo sono stati gli occidentali per indicare una serie di sostanze tossiche prodotte in numerosi paesi, tra cui Gran Bretagna e Stati Uniti".

"Credo che la Russia stia cercando di costruire una storia per non accettare i risultati dell'Opac quando arriveranno", ha detto l'ambasciatrice britannica Karen Pierce ai giornalisti presenti al Palazzo di vetro. La Pierce era stata altrettanto dura nel suo discorso al Consiglio: "Non possiamo ignorare quello che è successo a Salisbury. Non possiamo ignorare che la Russia ha chiuso gli occhi sull'uso di armi chimiche in Siria e a Salisbury. E non possiamo ignorare il fatto che la Russia stia provando a indebolire le istituzioni che hanno garantito la nostra sicurezza sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale".

Giovedì intanto sono trapelate le prime parole di Yulia Skripal dall'ospedale di Londra dove è ricoverata col padre: "Va tutto bene, siamo vivi e stiamo migliorando", avrebbe detto la figlia dell'ex spia russa nel corso di una telefonata con un cugina in Russia.

Il punto sul caso Skripal: cosa sappiamo e cosa non sappiamo