EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Catalogna, applausi alla famiglia di Turull

Catalogna, applausi alla famiglia di Turull
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Terzo candidato indipendentista agli arresti, si rischiano nuove elezioni

PUBBLICITÀ

Applausi in piedi. Sono quelli ottenuti dalla famiglia di Jordi Turull questo sabato, poco prima che Roger Torrent sospendesse il voto per eleggere il nuovo leader. Terzo indipendentista che non riesce ad essere eletto. Per lui carcerazione preventiva. L'ex consellers del governo catalano era stato indicato dai nazionalisti per sostituire Carles Puigdemont alla presidenza della Generalitat. Assieme ad altri quattro esponenti della leadership che il 27 ottobre scorso dichiarò l'indipendenza unilaterale della Catalogna.

Il presidente del Parlament ha annunciato l'annullamento del secondo turno dopo l'arresto a Madrid del candidato Jordi Turull, sul cui seggio nell'emiciclo è stato deposto un grande fiocco giallo, simbolo della campagna per la liberazione dei detenuti politici. Torrent ha parlato di "una situazione grave per il Paese" e ha denunciato che "il candidato Presidente è in prigione" per decisione dei "poteri dello Stato" spagnolo.

Questo mentre moltissime persone sono scese in strada a Barcellona per sostenere gli indipendentisti. Se non si arriva a un presidente entro il 22 maggio si potrebbero indire nuove elezioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Puigdemont in tribunale in Germania: rischia l'estradizione

Spagna: la Corte Suprema conferma il mandato di arresto per Puigdemont dopo l'amnistia

Barcellona: trattenuta nave da crociera con 1.500 passeggeri, 69 boliviani con visti Schengen falsi