Zuckerberg ammette: è colpa mia

Zuckerberg ammette: è colpa mia
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Fondatore di Facebook cerca di limitare i danni, ma una mega class action pende sul suo capo

PUBBLICITÀ

«Sono responsabile di quello che è successo»: Mark Zuckerberg rompe il silenzio sullo scandalo dei dati personali raccolti su Facebook. «Abbiamo fatto errori, c'è ancora molto da fare», scrive sulla sua pagina personale; «Abbiamo la responsabilità di proteggere le vostre informazioni», aggiunge.

Mentre negli Stati Uniti scatta la prima class action contro Facebook, sono ore frenetiche nel quartier generale di Menlo Park. I top manager del gruppo sono al lavoro con i legali per mettere a punto la strategia per reagire allo scandalo

S'infittiscono le voci di altre teste pronte a cadere dopo quella del responsabile per la sicurezza informatica Alex Stamos. Con qualche analista che azzarda l'ipotesi di un clamoroso passo indietro dello stesso presidente ed amministratore delegato di Facebook

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

25 anni di Google: è possibile tenere sotto controllo il "gigante"?

Spagna, il consumo di contenuti pornografici aumenta tra i minori: il governo corre ai ripari

"Global Cybersecurity Forum": evitare una catastrofe informatica e proteggere i bambini