Cappato, intervista alla vigilia della sentenza per il caso Dj Fabo

Cappato, intervista alla vigilia della sentenza per il caso Dj Fabo
Di Antonio Michele Storto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il leader radicale dell'associazione Luca Coscioni ribadisce la sua linea: "se assoluzione dev'esserci, che sia per incostituzionalitzà del reato. In caso contrario, meglio una condanna"

PUBBLICITÀ

"Piuttosto che essere assolto per un aiuto giudicato irrilevante, mentre è stato determinante, preferirei essere condannato".

Così, lo scorso gennaio Marco Cappato commentava la richiesta di assoluzione presentata dal pubblico ministero nel processo che lo vede imputato per istigazione al suicidio: i fatti risalgono al febbraio 2017, quando il leader radicale accompagnò nella procedura di suicidio assistito in una clinica svizzera il 39enne Fabiano Antoniani, conosciuto come Dj Fabo, che in seguito a un incidente era rimasto cieco e totalmente paralizzato. Fu lo stesso Antoniani - che era a conoscenza delle battaglie di Cappato sui temi dell'eutanasia e del testamento biologico - a chiederne l'aiuto.

Un caso che si è rivelato determinante per riportare il tema del fine vita sotto i riflettori della pubblica opinione. A dicembre, l'Italia è finalmente riuscita a dotarsi di una legge per il biotestamento; ma ora, in un'intervista concessa a Euronews alla vigilia della sentenza per il processo relativo a quell'episodio, Marco Cappato riconferma la linea finora espressa: se un'assoluzione dev'esserci, è necessario che questa sia motivata con l'incostituzionalità del reato

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caso Cappato, oggi il verdetto della Consulta: "Italia vuole eutanasia"

Dj Fabo è morto in Svizzera con il suicidio assistito: “Fuori dall'inferno di dolore”

Dignitas Infinita: il Vaticano condanna maternità surrogata e cambi di sesso