EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Spazio: dalle 'miniere cosmiche' l'origine dei nuovi pianeti

Spazio: dalle 'miniere cosmiche' l'origine dei nuovi pianeti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

La nuova astronomia sa ascoltare l’universo e vederne i colori.

Euronews ha chiesto a Gianpietro Cagnoli, professore di Fisica all’Università di Lione, qual è il valore scientifico dell’osservazione di queste immense miniere che si formano nello spazio: “Abbiamo rivelato una fabbrica di metalli preziosi quali oro e platino, ma anche di metalli pesanti come il piombo o tutti i materiali radioattivi”, spiega Cagnoli.

Claudio Rosmino, euronews: “Dove vanno? Si parla di nuvole che formeranno pianeti”.

“Esattamente. Molti di questi elementi andranno a far parte di queste nuvole cosmiche che genereranno nuovi sistemi solari – aggiunge Gianpietro Cagnoli – I pianeti generati da queste nubi conterranno tutti gli elementi chimici che sono presenti sulla terra”.

Nei prossimi mesi, i telescopi di tutto il mondo continueranno a osservare l’evoluzione della collisione e a raccogliere ulteriori prove sulle varie fasi della loro fusione.

“La materia si è formata durante l’esplosione del big bang, ma solo gli elementi leggeri, quali idrogeno ed elio, sono stati prodotti – conclude il docente di Fisica – Poi, il secondo momento in cui l’universo produce materia è all’interno delle stelle che producono tutti gli altri elementi: ossigeno, azoto, silicio, fino ad arrivare al ferro. Il terzo momento in cui vengono prodotti gli elementi più pesanti del ferro è durante le esplosioni di supernova o kilonova, come è stato l’ultimo evento”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Conosciamo una donna che abbatte le barriere nella leadership dell'industria spaziale ad Azercosmos

Mali, crolla una mina d'oro illegale: 70 morti

Il Giappone lancia il suo primo razzo lunare