EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gruppo Amici della Siria: no alla ricostruzione se Assad resta al potere

Gruppo Amici della Siria: no alla ricostruzione se Assad resta al potere
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Transizione politica e partenza di Assad le condizioni poste da Usa, Gran Bretagna e altri Paesi per aiutare a ricostruire il Paese

PUBBLICITÀ

Niente ricostruzione della Siria con Bashar al-Assad al potere. E’ il Ministro degli Esteri britannico Boris Johnson a sostenerlo, facendo da portavoce per il cosiddetto Gruppo degli Amici della Siria, che comprende Stati Uniti, Gran Bretagna e altri Paesi occidentali e arabi. Il collettivo si è riunito lunedì a New York, a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. ‘‘Aiuteremo a ricostruire il Paese solo con una transizione e la partenza di Assad’‘, ha sottolineato l’ex sindaco di Londra.

Intanto la Russia, attraverso il Ministro della Difesa, ha confermato che le Forze Siriane Democratiche (FDS) hanno occupato le posizioni sulla riva orientale dell’Eufrate, nei pressi di Deir al-Zor, nell’est del Paese al confine con l’Iraq. Le truppe sono riuscite a cacciare i militanti dello Stato Islamico da un certo numero di villaggi, nella periferia della città che si trova nelle mani dei soldati del Califfato da ormai tre anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria: autobomba esplode in un mercato, morti e feriti

Siria, attacco russo uccide almeno otto jihadisti

L'ordine della Corte internazionale di giustizia alla Siria: azioni concrete contro la tortura