Rohingya, Premier Bangladesh: "Conosciamo il loro dolore"

Rohingya, Premier Bangladesh: "Conosciamo il loro dolore"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Governo del Bangladesh, pur solidarizzando con i rifugiati, fa notare di non avere le capacità per offrire loro servizi di base

PUBBLICITÀ

Il Governo del Bangladesh cerca di fare i conti con l’arrivo, in poche settimane, di oltre 150 mila Rohingya, fuggiti dal Myanmar dopo aver patito l’ennesima ondata di violenza.

La Premier, Sheikh Hasina, pur solidarizzando con i rifugiati per mere questioni umanitarie, fa notare tuttavia di non avere le capacità per offrire loro servizi di base.

Sheikh Hasina, Primo Ministro Bangladesh:

“Siamo esseri umani, so cos‘è accaduto, nel 1971 è successo anche a noi, abbiamo la stessa esperienza, come sapete mia sorella è qui con me, ma la mia famiglia è stata assassinata, siamo stati all’estero, abbiamo dovuto vivere come rifugiati per anni, quindi ne conosciamo la tristezza e il dolore”.

Dallo scorso 25 agosto, la minoranza etnica di religione islamica ha iniziato un vero e proprio esodo a seguito degli scontri nello stato di Rakhine, dove il buddismo è la religione prevalente.

49 Hin Lynn, Ambasciatore Myanmar all’ONU:

“L’utilizzo di parole, non avvalorate dai fatti, compromette la credibilità: il gruppo terroristico denominato Arakan Rohingya Salvation Army sta incitando la gente a lasciare le loro case, dando loro false speranze di reinsediamento in un Paese terzo”.

Il governo birmano nega cittadinanza e diritti di base ai Rohinghya, perché li considera immigranti illegali provenienti dal Bangladesh, nonostante la loro presenza in Myanmar sia ampiamente documentata.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ciclone Mocha, migliaia le persone sfollate. Un milione le persone in fuga

Prende fuoco il grande mercato di Bongo bazar a Dacca

L'opposizione del Bangladesh organizza massiccia protesta nella capitale