EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Tra i nuovi italiani soprattutto cristiani

Tra i nuovi italiani soprattutto cristiani
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Cristiani, cattolici e ortodossi, uno su tre è musulmano: è questo l'identikit di quelli che avrebbero il passaporto italiano

PUBBLICITÀ

Cristiani, cattolici e ortodossi, uno su tre è musulmano: è questo l’identikit dei bambini e ragazzi figli di immigrati che avrebbero il passaporto italiano se passasse la riforma dello ius soli, ferma al Senato. Secondo la fondazione Leone Moressa saranno oltre 800mila i potenziali beneficiari della riforma, soprattutto giovani provenienti da Paesi cristiani, mentre la componente musulmana si attesta al di sotto del 40%. Lo studio della fondazione Leone Moressa dimostra che è falso parlare di islamizzazione dell’Italia, una propaganda disonesta dice Ilham Mounssif, studentessa di origine marocchine, cresciuta in Sardegna: “È anche ingiusto sottolineare che ‘solo’ uno su tre è musulmano, tutto questo è dettato dalla brutta e disonesta equazione che molte parti poltiche fanno, volendo banalizzare e riddurre tutto a seconda generazione uguale potenziali terroristi, è una cosa molto grave ma che funziona dal punto di vista propagantistico e comunicativo”. Al primo gennaio 2017 i minori stranieri in Italia sono circa un milione, il 21% della popolazione immigrata totale, tra i banchi ci sono bambini con 200 nazionalità diverse, i più numerosi sono quelli con genitori romeni, albanesi o marocchini che rappresentano le tre comunità più numerose in Italia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico

L'Etna torna a eruttare: allerta arancione, problemi ai voli a causa della cenere

Stromboli, lava e nubi di cenere del vulcano sul mare. Vulcanologo Ingv "fuori dall'ordinario"