EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Turchia: 25 anni di carcere al deputato d'opposizione Berberoglu

Turchia: 25 anni di carcere al deputato d'opposizione Berberoglu
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Ancora un gradino nella discesa agli inferi dell’opposizione in Turchia. Il tribunale di Istanbul ha pronunciato una condanna a 25 anni di reclusione per Enis Berberoglu, deputato socialdemocratico del Chp. Berberoglu è stato arrestato immediatamente dopo la sentenza.

“Cari colleghi, compagni di partito, cari amici, non è la prima volta che entro in un tribunale. Già tante volte abbiamo visto massacrare la giustizia in questo edificio che solo nominalmente è una Corte ma che con la giustizia non ha nulla a che vedere” ha detto Berberoglu subito prima della sentenza.

Una sentenza che ha scatenato la protesta dell’opposizione che in Parlamento ad Ankara ha abbandonato l’aula.

Berberoglu, a sua volta giornalista ed ex-direttore della testata “Hurriyet”, è stato riconosciuto responsabile della fuga di notizie riguardo all’entrata in Siria, nel gennaio 2014, di un convoglio carico di armi scortato dai servizi di Ankara. La notizia e le immagini dei tir erano stati pubblicati nel 2015. La stessa vicenda era costata 3 mesi di carcere all’ex-direttore di “Cumhuriyet” Can Dundar, fuggito in Germania, e al caporedattore Erdem Gul. È la prima volta che la giustizia turca condanna un parlamentare turco, nonostante Berberoglu raggiunga nelle carceri di Erdogan altri 11 deputati curdi, tra cui il leader dell’Hdp Selhattin Demirtas.

#Turchia: Enis Berberoğlu, parlamentare #CHP, arrestato e condannato a 25 anni: “spionaggio politico e militare”: https://t.co/1cQZdub3PR

— murat_cinar (@muratcinar) 14 giugno 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, alla sbarra giornalisti ed accademici. Studenti in piazza

Un video mostra la consegna di armi dalla Turchia ai ribelli siriani

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi