EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Prince tra oppiacei e antidolorifici. Pubblicato rapporto sui primi mesi d'inchiesta sulla sua morte

Prince tra oppiacei e antidolorifici. Pubblicato rapporto sui primi mesi d'inchiesta sulla sua morte
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oppiacei e antidolorifici nascosti nelle confezioni per aspirine, in buste delle lettere o sacchetti da frigorifero e prescritti agli amici di Prince.

PUBBLICITÀ

Oppiacei e antidolorifici nascosti nelle confezioni per aspirine, in buste delle lettere o sacchetti da frigorifero e prescritti agli amici di Prince. Ad un anno dalla scomparsa del musicista, la giustizia del Minnesota rende pubblici i documenti relativi ai primi 6 mesi d’indagine sulla morte della pop star.

Documenti che fanno luce sull’uso e abuso di antidolorifici da parte di Prince nei mesi precedenti il suo decesso, all’età di 57 anni.

Documenti che tuttavia non forniscono alcuna indicazione specifica sul fentanyl, sostanza che secondo l’autopsia sarebbe la principale causa del decesso, nè su chi esattamente avrebbe potuto procurarla a Prince.

Alcuni degli oppiacei venivano prescritti con l’alias “Peter Bravestrong”. Il Dottor Michael Todd Schulenberg, che ha curato Prince in due occasioni prima della sua morte, ha ammesso di aver prescritto l’antidolorifico Percocet a nome di “Kirk Johnson” alllo scopo di proteggere la privacy del cantante.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Prince: "Piano and a microphone", il nuovo album a settembre

Fentanyl, la droga legale che uccide non solo in USA ma anche in Europa

È morto Prince, musica mondiale in lutto per la terza volta nel 2016