EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Londra, cresce la protesta per la visita ufficiale di Donald Trump

Londra, cresce la protesta per la visita ufficiale di Donald Trump
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Gran Bretagna sogna di chiudere le porte in faccia a Donald Trump, così come lui vuol chiudere i confini degli Usa ai cittadini di sette paesi islamici.

PUBBLICITÀ

La Gran Bretagna sogna di chiudere le porte in faccia a Donald Trump, così come lui vuol chiudere i confini degli Usa ai cittadini di sette paesi islamici.

In pochi giorni sono già quasi un milione e mezzo i cittadini britannici che hanno firmato una petizione popolare contro il neopresidente Usa, e si moltiplicano le manifestazioni di dissenso.

“E’ meravoglioso che così tanta gente si sia riunita per dare voce al loro disgusto per quello che Donald Trump ha fatto recentemente”.

Il pasticcio della visita di stato di Trump a Londra mette in crisi anche la corte.

In una lettera al Times un ex alto funzionario del Foreign Office, Lord Ricketts, sostiene che la sovrana si è venuta a trovare in una “posizione molto difficile”.

Secondo molti Elisabetta è stata involontariamente trascinata in una polemica politica, scatenata dalle critiche a Trump per la sua politica sulle migrazioni; politica non gradita a Buckingham Palace che ha espresso privatamente un forte disappunto.

Crtitiche piovono anche sull’insistenza della premier May a sfruttare il traino del neo presidente Usa. Molti segnalano che non ci sono precedenti recenti di capi dello stato statunitensi in visita a Londra nel primo anno dalle elezioni, dubitando che Trump meriti una eccezione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya, proteste e sconti nelle strade di Nairobi

Argentina, nuova protesta contro Milei per chiedere il rilascio di 16 manifestanti

Gaza, in 100mila protestano a Gerusalemme contro Netanyahu: chiedono elezioni e rilascio ostaggi