USA: protesta al JFK dopo il fermo dei rifugiati

USA: protesta al JFK dopo il fermo dei rifugiati
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Firmato il decreto, l’applicazione è immediata e la protesta altrettanto: la decisione di vietare per almeno tre mesi l’ingresso negli Stati Uniti di cittadini iracheni, iraniani, somali, yemeniti, su

PUBBLICITÀ

Firmato il decreto, l’applicazione è immediata e la protesta altrettanto: la decisione di vietare per almeno tre mesi l’ingresso negli Stati Uniti di cittadini iracheni, iraniani, somali, yemeniti, sudanesi, siriani e libici ha portato al fermo immediato di almeno una dozzina di persone che sbarcavano dal loro aereo.
All’aeroporto JFK di New York è scattata la protesta, all’esterno del terminal 4, al grido di “no ban, no wall”, cioè un “no” ai bandi e ai muri.

Due iracheni, che erano già in volo quando è scattato il bando, sono in stato di fermo.
Un consigliere circoscrizionale newyorchese, che cerca una mediazione, aggiunge:

“ci sono altre dieci persone per le quali abbiamo molte meno informazioni, ma anche per loro si presume che fossero già a bordo dell’aereo quando è scattato l’ordine esecutivo, e adesso sono qui, i magistrati non se ne sono ancora occupati e quindi per il momento non ne sappiamo di più”.

A questi si aggiungono altri casi negli altri aeroporti statunitensi, senza contare tutti quelli che erano partiti alla volta degli Stati Uniti e sono stati bloccati negli aeroporti i cui facevano scalo, come Dubai o il Cairo.

“È ingiusto – commenta un rifugiato siriano in un campo libanese – dove dovremmo andare? Siamo scappati dalla guerra e dalle bombe per metterci al sicuro, e alla fine lui ci rifiuta. Dove dovremmo andare?”

Al decreto firmato venerdì da Trump risponde l’Iran, che ha deciso di applicare la reciprocità: ma “a differenza di quello americano il nostro provvedimento non sarà retroattivo, i visti già concessi restano validi”, precisa Teheran. E dal Canada è il premier Justin Trudeau a rispondere via Twitter: “a chi fugge dalle persecuzioni, dal terrore e dalla guerra: sappiate che i canadesi vi daranno il benvenuto, non importa quale sia la vostra fede”, ha scritto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump chiude le porte dell'America ai rifugiati. Congelati gli ingressi per alcuni mesi

Trump: giro di vite sui rifugiati. Sospesi gli ingressi da alcuni Paesi a rischio terrorismo

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni