EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Grecia paralizzata dallo sciopero generale contro nuove manovre di austerità

Grecia paralizzata dallo sciopero generale contro nuove manovre di austerità
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Grecia è rimasta paralizzata per uno sciopero generale contro le annunciate nuove misure di austerità decise dal governo di Alexis Tsipras su richiesta del Fondo Monetario Internazionale e dell’Uni

PUBBLICITÀ

La Grecia è rimasta paralizzata per uno sciopero generale contro le annunciate nuove misure di austerità decise dal governo di Alexis Tsipras su richiesta del Fondo Monetario Internazionale e dell’Unione europea.

Scuole e uffici pubblici chiusi, trasporti locali paralizzati, e così anche treni e navi traghetto. L’agitazione è stata promossa dai sindacati del settore privato e da quelli della pubblica amministrazione.

Lo scenario resta drammatico, con migliaia di persone costrette alla disoccupazione che ormai tocca il 23,4 per cento e col potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti ridotto di un terzo.

“In ogni famiglia c‘è qualcuno depresso. Davvero, ci sono enormi difficoltà non solo a livello economico ma anche nella sfera sociale”.

“Le nostre pensioni sono state ridotte al 40 per cento. La gente non ha nemmeno i soldi per pagare le tasse. Abbiamo lavorato duro e abbiamo pagato un sacco di contributi. E ce li hanno presi in anticipo”.

“La possibilità di rivedere l’accordo tra il governo e le banche nel senso di far accrescere l’austerità ha messo in allarme i sindacati greci che temono nuovi tagli ai salari e alle pensioni e per questo hanno intensificato le proteste”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee, i conservatori moderati greci in testa nei sondaggi

Clima, Grecia: sembra di stare su Marte, è Atene

Elezioni Ue, Grecia: disoccupazione alta e salari bassi preoccupano i giovani