EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ukip: Paul Nuttall è il nuovo leader

Ukip: Paul Nuttall è il nuovo leader
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Promette di essere la voce patriottica dei lavoratori britannici e di vegliare sulla Brexit

PUBBLICITÀ

Lo Ukip si è scelto il nuovo leader. Si tratta dell’eurodeputato Paul Nuttall . Nuttall ha ottenuto il 62% dei suffragi.

Il trentanovenne neo presidente ha detto che il partito sarà la voce patriottica dei lavoratori britannici.

Dopo le dimissioni del capo storico e fondatore Nigel Farage , la telenovela della scelta della nuova direzione del partito euroscettico e populista britannico era iniziata subito dopo il referendum sulla Brexit.

La prima a cimentarsi era stata Diane James , che però aveva tenuto meno di tre settimane.

Un altro eurodeputato Steven Woolfe , che era ai blocchi di partenza, è finito in ospedale dopo essere stato aggredito al Parlamento di Strasburgo da un compagno di partito.

Farage era rimasto dunque con l’interim in mano, fino all’elezione di Nuttall.

Brexit senza se e senza ma

Al centro del suo programma c‘è la
riunificazione del partito, alle prese con una forte crisi interna. Ma soprattutto, l’impegno a far rispettare il risultato del
referendum con cui i britannici hanno scelto la Brexit, in modo che il divorzio con Bruxelles venga avviato senza se e senza ma.

Nel discorso di investitura, Paul Nuttall ha detto tra l’altro:

Lo Ukip promette di incarnare la volontà del popolo. Ciò significa: riprendersi il controllo delle frontiere, delle finanze, delle leggi. Metteremo il governo elettoralmente sui carboni ardenti per essere sicuri che la Brexit sia davvero la Brexit.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Londra: Khan eletto per il terzo mandato, nuovo successo per il laburista

Londra, uomo armato di katana uccide 13enne e ferisce altre quattro persone nella periferia est

Scozia, il primo ministro Humza Yousaf si dimette prima del voto di sfiducia