EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Primi minori non accompagnati, da Calais arrivati nel Regno Unito

Primi minori non accompagnati, da Calais arrivati nel Regno Unito
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È arrivato a Londra il gruppo di 14 minori non accompagnati che hanno lasciato la Francia e l’accampamento illegale chiamato “la giungla”, nei pressi di Calais.

PUBBLICITÀ

È arrivato a Londra il gruppo di 14 minori non accompagnati che hanno lasciato la Francia e l’accampamento illegale chiamato “la giungla”, nei pressi di Calais.

Gli adolescenti, tutti fra i 14 e i 17 anni, sono perlopiù originari di Eritrea e Afghanistan ed hanno dei familiari nel Regno Unito per questo sono stati accettati nel Paese sulla base del ricongiungimento familiare. Tutto il procedimento non dovrebbe durare più di tre giorni.

Una goccia nel mare visto che sono molte centinaia i minori. 178 sono stati identificati per avere relazioni familiari nel Regno Unito.

Leader religiosi, fra cui l’arcivescovo di Canterbury, primate della chiesa d’Inghilterra, hanno anche criticato il governo per il ritardo nel cercare soluzioni: “Oggi è certamente una buona giornata per questi bambini riuniti con le loro famiglie, ma a Calais ce ne sono ancora un migliaio che corrono terribili pericoli dopo il rischio di demolizione del campo entro una settimana”.

Lo scorso 10 ottobre il ministro degli interni francese Bernard Cazeneuve e la sua omologa britannica Amber Rudd, si sono accordati per velocizzare il processo di portare dei minori fuori dalla giungla di Calais verso il Regno Unito.

Ma non tutti gioiscono. Alcune organizzazioni hanno invece minacciato azioni legali per aver portato migranti illegali nel Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi: la polizia sgombera decine di migranti davanti all'Università Sorbona

Migranti, cinque morti nel Canale della Manica: "Francia e Regno Unito trovino soluzioni"

Francia, Macron difende la nuova legge sull'immigrazione: "È lo scudo che ci mancava"