EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lutto di un anno. Thailandia in ginocchio per la scomparsa del Re

Lutto di un anno. Thailandia in ginocchio per la scomparsa del Re
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È una Thailandia letteralmente in ginocchio, quella che si è oggi svegliata senza il re che la guidava da ormai 70 anni.

PUBBLICITÀ

È una Thailandia letteralmente in ginocchio, quella che si è oggi svegliata senza il re che la guidava da ormai 70 anni. Con rituali funebri e preghiere, in migliaia hanno reso omaggio a Bhumibol Adulyadej dopo aver affollato il percorso del feretro dall’ospedale dove il sovrano si è spento ieri, al Grande Palazzo Reale.

Thousands of people in black attire on the roads around Grand Palace in Bangkok to join the funeral procession of @KingBhumibolpic.twitter.com/MPikWuzwrc

— Sanjay Kumar (Media) (@sanjayunv) October 14, 2016

Imposto il lutto di un anno ai funzionari pubblici. Il governo sospende i lavori

All’indomani della sua morte, scuole chiuse, lutto di un anno imposto ai funzionari pubblici e sospensione dei lavori governativi rispecchiano il dolore a cui danno voce molti passanti a Bangkok. “Al momento siamo tutti addolorati – dice una donna -. La morte del Re è un’immensa perdita per tutto il popolo thailandese. Sua Maestà rimarrà per sempre nel cuore di tutti noi”.

Bangkok: Thai Civil servants are ordered to wear black clothes for one year in mourning from today.#Bangkok#Thailandpic.twitter.com/5MGQUIK1SP

— ATV (@atvpakistan) October 14, 2016

Bangkok Post has gone dark, literally monochrome in mourning and remembrance of the #kotpic.twitter.com/D980GWxZno

— Jason S.C. Fung (@JasonSCFung) October 13, 2016

In segno di lutto, quotidiani come il Bangkok Post sono usciti in edicola con un’edizione integralmente in bianco e nero### USA in prima linea nel cordoglio internazionale. Obama: “Un amico stretto del nostro Paese”

Il cordoglio dei cittadini si è accompagnato all’ufficiale omaggio che la politica thailandese ha reso allo scomparsa monarca al Tempio del Budda di Smeraldo. Qui, a firmare il tradizionale libro di condoglianze insieme al capo di governo Prayuth Chan-ocha e all’ex premier Yingluck Shinawatra, è stato anche l’ambasciatore statunitense Glyn Davies: portavoce di un’amicizia, nelle ultime ore ribadita anche da Obama e Hillary Clinton, che hanno rispettivamente parlato di “amico stretto degli Stati Uniti” ed espresso le “più sincere condoglianze”.

We mourn the passing of a King by Virtue pic.twitter.com/st8lKqzi3v

— Glyn T. Davies (@GlynTDavies) 13 ottobre 2016

Da un account in cui campeggia la foto di Bhumibol Adulyadej, l’ambasciatore statunitense a Bangkok, Glyn Davies, si unisce al dolore per la scomparsa del sovrano e fa portavoce delle condoglianze di tutto il popolo americano

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chi è Maha Vajiralongkorn, l'erede al trono della Thailandia

Turbolenza volo Londra-Singapore, un morto e decine di feriti: Boeing colpito da fenomeno noto come Cat

Thailandia: il sì della Camera bassa al matrimonio tra partner dello stesso sesso