Ucraina: gente inferocita caccia la comunità rom da un villaggio vicino Odessa

Ucraina: gente inferocita caccia la comunità rom da un villaggio vicino Odessa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La polizia è riuscita a ristabilire l’ordine e a riprendere il controllo della situazione nella cittadina ucraina di Loshchynivka, nella regione di Odessa, dopo gli scontri di sabato tra i residenti e

PUBBLICITÀ

La polizia è riuscita a ristabilire l’ordine e a riprendere il controllo della situazione nella cittadina ucraina di Loshchynivka, nella regione di Odessa, dopo gli scontri di sabato tra i residenti e alcuni esponenti della comunità rom. Le tensioni sono cominciate dopo il ritrovamento del corpo di una bimba di 9 anni, violentata e uccisa per la cui morte è sospettato proprio un giovane rom che è stato arrestato.
Un abitante di Loshchynivka sceso in piazza per manifestare contro i rom ha spiegato il senso di esasperazione di chi abita nel villaggio da sempre: “Sono passati 3 anni da quando si sono stabiliti qui… 3 anni. E questo è quello che abbiamo in cambio.I rom non hanno alcun riguardo per la popolazione locale che vive qui da 200 anni! Infastidiscono i bambini a scuola, ricattano e rubano dalle case”.

La gente inferocita ha attaccato le case dove vivono i rom per tentare di cacciarli definitivamente dalla città. Con l’intervento della polizia si è arrivati a una soluzione: è stato creato un cordone di sicurezza perchè i rom possano recuperare le proprie cose e lasciare le loro abitazioni, dove non sono più al sicuro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La comunità rom chiede maggiore inclusione sociale in Europa

Serbia, investono una bambina di due anni e nascondono il corpo: arrestati due uomini

Finlandia, dodicenne spara in una scuola vicino a Helsinki: un morto e due feriti gravi