Armenia: risolta la crisi degli ostaggi

Armenia: risolta la crisi degli ostaggi
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le ultime quattro persone nelle mani degli insorti sono state rilasciate dopo una trattativa durata giorni.

PUBBLICITÀ

Le ultime quattro persone nelle mani degli insorti sono state rilasciate dopo una trattativa durata giorni.

La stazione di polizia alla periferia della capitale Yerevan, era stata presa d’assalto da una ventina di uomini appartenenti a un gruppo ultra-nazionalista che si fa chiamare “Sasna Tsrer”. Chiedevano la liberazione del loro leader.

“Vogliamo le dimissioni del cosiddetto presidente e la liberazione di Sefilian. Vogliamo un governo del popolo. Se in questo caso ci chiedessero di consegnare le armi lo faremmo volontariamente”.

Sefiljan è capo di un movimento politico, eroe della guerra in Nagorno-Karabakh. Arrestato a fine giugno per possesso e trasporto di armi illegali. Arresto che molti armeni ritengono politicamente motivato, data anche la posizione intransigente con la quale Sefilyan si oppone a qualsiasi possibile accordo con l’Azerbaijan per la questione del Karabakh.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In migliaia in fuga dal Nagorno Karabakh. Erdogan "orgoglioso" di Baku

Nagorno-Karabakh: i primi sfollati accolti in un campo profughi (raggiungeranno l'Armenia)

Nagorno Karabakh, l'Onu invita le parti al dialogo, proteste in Armenia