La solidarietà del mondo alla Francia

La solidarietà del mondo alla Francia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I leader mondiali di nuovo al capezzale della Francia che piange i suoi morti.

PUBBLICITÀ

I leader mondiali di nuovo al capezzale della Francia che piange i suoi morti.

Il segretario di Stato americano John Kerry, molto legato alla Francia, dice, da Mosca dove è in visita per colloqui: “Ci uniamo a voi nel nostro orrore per l’indicibile carneficina che ha avuto luogo a Nizza. Il problema è che io, il ministro degli esteri Sergei Lavorv e altri capi della diplomazia siamo costretti a fare questo esercizio su base settimanale.”

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato: “Caro Francois Hollande, la Russia sa che cosa è il terrore e quali siano le sue minacce. Il nostro popolo ha affrontato tali tragedie in passato e i russi provano risentimento per quanto è accaduto a Nizza. Il nostro popolo simpatizza con quello della Francia, in piena solidarietà.”

Così come il premier italiano Renzi condanna la violenza, affermando che i terroristi non l’avranno mai vinta, la neo premier britannica Theresa May dichiara: “Sono scioccata e rattristata per l’attacco orribile di Nizza. I nostri cuori sono vicini al popolo francese e a tutti coloro che hanno perso i propri cari o sono stati feriti.Dobbiamo lavorare con i nostri partner in Francia e in tutto il mondo per difendere i nostri valori e la nostra libertà.”

Il Papa ha inviato un messaggio via Twitter, condannando la violenza cieca.

Prego per le vittime dell’attentato a Nizza ed i loro famigliari. Chiedo a Dio di convertire il cuore dei violenti accecati dall’odio.

— Papa Francesco (@Pontifex_it) 15 juillet 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, respinto l'appello di un uomo arrestato per l'attentato alla Crocus city hall di Mosca

Sidney, accoltellamento in Chiesa: "Estremismo religioso". Stabili le condizioni dei feriti

Nigeria: dieci anni fa il rapimento di 276 studentesse da parte di Boko Haram