ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sconcerto tra gli abitanti di Molenbeek dopo la cattura di Abdeslam

Lettura in corso:

Sconcerto tra gli abitanti di Molenbeek dopo la cattura di Abdeslam

Sconcerto tra gli abitanti di Molenbeek dopo la cattura di Abdeslam
Dimensioni di testo Aa Aa

Il comune di Molenbeek è di nuovo al centro dell’attenzione. A parte qualche reazione scomposta contro i media e la polizia, gli abitanti sono soprattutto sconcertati. Come Bert, che vive da 5 anni in Rue des Quatre Vents.

“Certamente è sempre uno shock quando succede qualcosa così vicino a casa” ammette Bert. “Sapevamo che nella zona c’erano persone con simpatie per questi gruppi. Ma non ci saremmo aspettati che fossero così vicini. Certo, c’era già stato un blitz a novembre nella via dietro alla nostra, ma siamo comunque sorpresi.”

Maria, che lavora in una scuola di Molenbeek, dove ha vissuto e dove continuano ad abitare i suoi genitori, esclama: “Non è corretto il modo in cui è stata descritta Molenbeek ultimamente, come una città di estremisti. O forse sì, purtroppo per noi. Ma non bisogna coglierne solo il lato negativo. Molenbeek è un comune in cui ci sono molte cose, è multiculturale, bisogna venire a visitarlo e a incontrare la gente. Molenbeek non è un ghetto.”

Mentre si interrogano su quel vicino di casa che ha beffato la polizia per 4 mesi, gli abitanti della via tornano alle loro attività.

Grégoire Lory, corrispondente di euronews a Bruxelles, riferisce: “Le misure di sicurezza sono state alleggerite ora nell’area in cui è stato arrestato Salah Abdeslam. Non ci sono più i sigilli della polizia, auto delle forze dell’ordine circolano di tanto in tanto. Si cerca di tornare alla quotidianità qui in Rue des Quatre-Vents. Gli abitanti di Molenbeek passano davanti all’appartamento in cui è avvenuta la perquisizione senza girarsi a guardare. Cercano soprattutto di voltare pagina.”