Siria: bombe su scuole e ospedali, decine di morti contro le speranze di dialogo

Siria: bombe su scuole e ospedali, decine di morti contro le speranze di dialogo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si allontana la tregua in Siria, dove i tentativi di dialogo continuano a lasciare il passo ai massacri. Nel Nord del Paese, nel giro di poche ore

PUBBLICITÀ

Si allontana la tregua in Siria, dove i tentativi di dialogo continuano a lasciare il passo ai massacri. Nel Nord del Paese, nel giro di poche ore, almeno 50 persone sono state uccise in attacchi missilistici su cinque ospedali e due scuole nelle province di Idlib e di Aleppo.

Medici senza Frontiere, che gestisce una delle strutture colpite, non esclude la possibilità di “un attacco deliberato”. L’ospedale è stato colpito quattro volte in due serie di attacchi a distanza di pochi minuti.

Pesante anche il bilancio ad Azaz: almeno 10 i civili morti, tra cui due donne, una incinta, e tre bambini. Il premier turco, Ahmet Davutoglu, sostiene che un missile balistico russo abbia colpito la località di confine, ma la zona è martellata da sabato anche dalle forze armate turche.

Non è chiaro chi abbia condotto i bombardamenti. Msf non indica i responsabili, ma l’Osservatorio siriano per i diritti umani parla di raid “verosimilmente russi”, mentre l’ambasciatore siriano a Mosca accusa gli Stati Uniti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria: scambi di accuse tra Russia, regime di Damasco e Stati Uniti

Siria, MSF: medici a rischio perché considerati criminali se curano ribelli

Siria: una guerra per procura senza fine