EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sinai. Per Usa e Uk una bomba è la causa più probabile dello schianto del volo russo

Sinai. Per Usa e Uk una bomba è la causa più probabile dello schianto del volo russo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stati Uniti e Regno Unito hanno abbandonato le ultime reticenze: una bomba è la causa più probabile dell’incidente del volo russo sul Sinai egiziano

PUBBLICITÀ

Stati Uniti e Regno Unito hanno abbandonato le ultime reticenze: una bomba è la causa più probabile dell’incidente del volo russo sul Sinai egiziano. La pista dell’autoproclamato Stato Islamico, che ha rivendicato una seconda volta la paternità della strage, diventa verosimile.

“Siamo giunti alla conclusione che c‘è una significativa possibilità che l’incidente sia stato causato da un ordigno esploso a bordo dell’aereo” ha detto il Ministro degli Esteri britannico Philip Hammond. E Londra sospende tutti i voli per Sharm El-Sheikh. “Abbiamo deciso di modificare le nostre indicazioni riguardo ai voli a destinazione dell’aeroporto di Sharm El-Sheikh” ha aggiunto Hammond. “Sono sconsigliati se non strettamente necessari. Dunque non ci saranno voli passeggeri britannici verso Sharm El-Sheikh a partire da questo momento”.

UK increasingly concerned that #Russia passenger plane was downed by a bomb – https://t.co/N1vx9bHRxSpic.twitter.com/f8l7TDE5Ra

— Voice of America (@VOANews) 4 Novembre 2015

Una bomba in una valigia o in un bagaglio a mano sarebbe la modalità dell’attentato secondo fonti dell’intelligence americana. Ancora prudenti gli inquirenti russi che parlano di esplosione di uno dei motori dell’Airbus. Intanto l’Egitto è già colpito al cuore: il turismo.

“È dal 1981 che vengo in Egitto, ero qui subito dopo la strage di turisti nella Valle delle Regine nel 1997 e continuerò a tornare” assicura Julie Wattenberg, britannica.

“Credo sia stata una pessima decisione sospendere i voli, comunque oggi cose del genere possono succedere dappertutto” afferma Helen Collins, un’altra viaggiatrice del Regno Unito.

Ma ormai sotto accusa sono, in maniera più o meno esplicita, anche la sicurezza e i controlli nello scalo egiziano: la bomba, se di bomba si è trattato, non può essere passata senza connivenze del personale di terra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Egitto, aereo russo caduto sul Sinai: gli ultimi istanti sui social media

Malawi, i funerali di Stato del vicepresidente Chilima: il presidente chiede indagine indipendente

Cosa sappiamo finora della morte di Angelo Onorato, marito dell'eurodeputata Francesca Donato