EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Gli All Blacks e la finale: "Il primo avversario è l'eccesso di sicurezza"

Gli All Blacks e la finale: "Il primo avversario è l'eccesso di sicurezza"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I neozelandesi verso il big-match contro l'Australia. L'imperativo è dimenticare storia e favore dei pronostici. Anche se in Coppa del Mondo...

PUBBLICITÀ

Se l’Australia si rilassa, gli All Blacks prendono invece subito le cose sul serio. I neozelandesi lo sanno bene: prima ancora degli Wallabies, l’avversario da battere è il rischio di sentirsi la Coppa già in tasca.

One more on the way... #haka#RWCFinalhttps://t.co/J4eQfKYZ5u

— Rugby World Cup (@rugbyworldcup) 27 Ottobre 2015

Dalla loro non solo precedenti ma anche ruolino di marcia del torneo, gli All Blacks ripetono anche in conferenza stampa l’imperativo di “dimenticare tutto”.

A farsene portavoce davanti alle telecamere è la seconda linea Samuel Whitelock: “La bellezza di questa Coppa del mondo credo sia proprio nel fatto che tutto quanto è accaduto finora conta molto poco – dice il già campione nel 2011 -. Tutto si deciderà sul campo. Conosciamo ovviamente i precedenti di entrambe le squadre, ma tutto si giocherà sabato”.

Difficile tuttavia ignorare la lunga storia delle sfide tra All Blacks ed eterni rivali dell’Australia: 155 incontri ufficiali dal lontano 1903 e una maledizione da sfatare in Coppa del mondo, con gli Wallabies che conducono negli scontri diretti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sei Nazioni, l'Italrugby batte la Scozia all'Olimpico: non accadeva da 11 anni

Rugby, la finale del mondiale sarà tra Sud Africa e Nuova Zelanda

Coppa del mondo di rugby, al via venerdì con Francia-Nuova Zelanda. Attesi due milioni di spettatori