ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Olimpiadi invernali 2022, Cina difende candidatura

Olimpiadi invernali 2022, Cina difende candidatura
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Comitato di candidatura di Pechino quale sede ospitante delle Olimpiadi invernali 2022 difende la scarsità di neve naturale e la scelta di ospitare l’evento in 3 differenti siti.

Parlando a Kuala Lumpur, dove il 31 luglio prossimo i voti del Comitato Olimpico Internazionale decreteranno, nel corso del 128esimo congresso, la città che ospiterà i Giochi, il portavoce Wang Hui ha detto che la capacità organizzativa cinese sarebbe il fattore più importante nella gestione delle Olimpiadi invernali.

“Si sa che in tutto il mondo, anche sulle Alpi e in Svizzera, non c‘è neve nello stesso periodo – afferma invece Lim Chee Wah, Presidente della stazione sciistica di Genting -, sicchè la nostra fortuna è data da una sufficiente riserva d’acqua e dalla capacità di innevamento artificiale”.

In lizza ci sono solamente Pechino e Almaty, in Kazakistan; in caso di successo cinese, Pechino sarebbe la prima città ad ospitare i Giochi invernali, dopo l’organizzazione di quelli estivi, avvenuta nel 2008.