EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ungheria, tutti contro i cartelli xenofobi del governo Orban

Ungheria, tutti contro i cartelli xenofobi del governo Orban
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Potrebbe rivelarsi un boomerang per il governo ungherese, la campagna di affissioni antistranieri che da settimane tappezza i muri di tutto il paese

PUBBLICITÀ

Potrebbe rivelarsi un boomerang per il governo ungherese, la campagna di affissioni antistranieri che da settimane tappezza i muri di tutto il paese.

Secondo un sondaggio condotto dall’opposizione, il 98 per cento degli interpellati si è detto contrario all’iniziativa, e l’Unhcr, agenzia dell’Onu per i rifugiati, ha risposto con uno spot diffuso in televisione.

“In molti paesi la spinte xenofobe arrivano da partiti marginali, da gruppi di estrema destra, invece stranamente in Ungheria è il governo che soffia sulla xenofobia. E’ incoraggiante, invece, la reazione dell’opinione pubblica, contraria a questa deriva e intenzionata ad aiutare i rifugiati”.

Il discusso governo di destra di Viktor Orban, alle prese con una impopolare crisi economica, però non si mostra disposto a nessuna autocritica.

“Abbiamo verificato che 50.000 persone entrate in Ungheria, quindi in Europa, hanno fassato la frontira senza documenti. Conosciamo l’approccio dell’Unione europea al fenomeno migratorio, e vorremmo contribuire con qualche soluzione efficace. Ma con questi numeri e nella situazione attuale, le cose sono diverse”.

Contro l’atteggiamento razzista del governo, l’Unhcr ha inserito nel suo spot le immagini della nazionale di cricket ungherese, dove atleti con diverse origini vivono in perfetta integrazione.

Un esempio più forte di molte parole.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, per fermare i migranti il governo "sigilla" 170 km di confine con la Serbia

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Ungheria: la nuova opposizione guidata da Péter Magyar sfida Orbán