ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto in Nepal, vittime tra gli alpinisti diretti sull'Everest

Lettura in corso:

Terremoto in Nepal, vittime tra gli alpinisti diretti sull'Everest

Terremoto in Nepal, vittime tra gli alpinisti diretti sull'Everest
Dimensioni di testo Aa Aa

Il forte sisma in Nepal ha causato vittime e feriti anche in alta quota, dove è frequente la presenza di spedizioni di alpinisti. Una dozzina di sherpa sono stati soccorsi e trasportati in bus fino all’aeroporto e da lì alla capitale Katmandu.

Terribili le testimonianze dei tanti scalatori presenti sulle pendici dell’Everest.

“Le tende sono state strappate dal vento dappertutto, e il numero dei feriti non si stabilizza. Temiamo che molte tende siano state travolte da valanghe”.

“Avevo 4000 piedi di neve che stavano per arrivarmi addosso, e non c’era alcun posto per trovare riparo. Ho chiesto a tutti di sdraiarsi in avanti, ho messo le mani sopra la testa cercando di resistere il più possibile. Intanto la neve mi è arrivata addosso, per quasi un minuto”.
“Non c’era più niente, le nostre tende erano sparite, finite sotto trenta piedi di neve, come i ragazzi che mi stavano di fronte prima. E ancora abbiamo un disperso, e non sappiamo ancora se sia vivo”.

Secondo una associazione di scalatori, molte persone sarebbero state letteralmente inghiottite dai ghiacci.
Tra le vittime si contano almeno due italiani, i cui corpi sono stati localizzati, mentre un altro è considerato disperso.

Euronews ha raggiunto Marco Confortola, un atleta italiano che si trova in Nepal. Ecco il suo racconto.

Buon giorno ,Stiamo preparando tutto il nostro materiale x non lasciare proprio niente qui al CB del Dhaulagiri .A…

Posted by Marco Confortola on Monday, April 27, 2015