EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Traghetto in fiamme: ignota la sorte di un centinaio di persone, i primi indagati

Traghetto in fiamme: ignota la sorte di un centinaio di persone, i primi indagati
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Un video amatoriale mostra i drammatici momenti del rogo che ha avvolto il traghetto Norman Atlantic nell’Adriatico, al largo delle coste albanesi

PUBBLICITÀ

Un video amatoriale mostra i drammatici momenti del rogo che ha avvolto il traghetto Norman Atlantic nell’Adriatico, al largo delle coste albanesi. ‘‘La nave si è inclinata, bruceremo come topi’‘: è il racconto di un passeggero greco, uno dei 390 sopravvissuti. Ignota ancora la sorte di un centinaio di persone. Undici le vittime accertate.

499 le persone sulla motonave, compresi tre clandestini, secondo la Procura di Bari che ha aperto un’inchiesta coordinata con la procura di Lecce e Brindisi per naufragio, omicidio e lesioni colposi.

Il traghetto era partito il 28 dicembre da Patrasso ed era diretto ad Ancona quando è stato avvolto dalle fiamme per un’avaria. La motonave, agganciata dai rimorchiatori nominati dalla magistratura, ha come destinazione finale il porto di Brindisi.

Sono al momento indagati per i reati di naufragio, omicidio e lesioni colposi il comandante della Norman Atlantic, Argilio Giacomazzi, e l’armatore della nave, Carlo Visentini.

212 naufraghi sono già sbarcati a Brindisi, altri 38 sono arrivati a Taranto e 80 in Grecia. ‘‘La maggior parte delle persone che sono morte, sono quelle che si sono gettate in mare subito dopo l’incendio. Non c’era nessuna informazione e nessun soccorso”, racconta un sopravvissuto.

Ed è polemica sulla sicurezza: tra i problemi riscontrati nel traghetto nell’ultima ispezione ci sarebbero le porte taglia fuoco che risultavano sulla scheda come “malfunzionanti”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mediterraneo, ennesima tragedia di migranti. Partiti dalla Libia erano diretti in Italia

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Arrestato in Italia il boss della mafia turca Baris Boyun accusato di terrorismo