In Italia, bliz dei carabinieri del Ros ferma gruppo clandestino neo nazista: quattordici arresti e trentuno indagati.

In Italia, bliz dei carabinieri del Ros ferma gruppo clandestino neo nazista: quattordici arresti e trentuno indagati.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Contestati i reati di associazione con finalità di terrorismo, eversione dell'ordine democratico e associazione finalizzata all'incitamento, alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali.

PUBBLICITÀ

“Aquila nera”, la maxi-inchiesta avviata dai Ros dei carabinieri nel 2013 e seguita dal procuratore capo dell’Aquila, Fausto Cardella, ha sgominato un’organizzazione clandestina denominata ‘Avanguardia ordinovista’.

Un’associazione che, richiamandosi agli ideali dello sciolto movimento neofascista “Ordine Nuovo”, progettava azioni di terrorismo contro Prefetture, Questure e uffici di Equitalia.

Quattordici gli ordini di cattura emessi dalla magistratura in tutta Italia.

Fausto Cardella, procuratore capo dell’Aquila: “Peraltro, abbiamo già una struttura che è la procura nazionale antimafia che ha tutti gli strumenti, tutte le potenzialità per realizzare questo tipo di coordinamento”.

Trentuno le persone indagate, tra cui il novantatreenne Rutilio Sermonti, ex di Ordine Nuovo, noto scrittore e pittore, uno degli intellettuali più in vista dell’estrema destra.

L’associazione terroristica intendeva proseguire il proprio operato con un’intromissione nei posti di potere e la partecipazione di una propria lista alle prossime elezioni politiche.

Nell’ordinanza di custodia cautelare si contestano i reati di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico e associazione finalizzata all’incitamento, alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Napoli: voragine stradale al Vomero, aperta un'inchiesta

Roma: temperature alte, prima domenica al mare a febbraio

Crollo nel cantiere di un supermarket a Firenze: cinque operai morti