ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina strozzata dalla crisi energetica. Ora manca anche il carbone

Lettura in corso:

Ucraina strozzata dalla crisi energetica. Ora manca anche il carbone

Ucraina strozzata dalla crisi energetica. Ora manca anche il carbone
Dimensioni di testo Aa Aa

Piove sul bagnato della crisi energetica ucraina. Con la Russia che ha chiuso i rubinetti del gas a giugno e l’elettricità a singhiozzo che mette in ginocchio vita e produttività del Paese, a scarseggiare è ora anche il carbone.

Abbiamo le centrali termiche, ma manchiamo di combustibile. Così non possiamo utilizzarle a pieno regime

Le importazioni dal Sudafrica, a cui Kiev si era rivolta dopo il blocco delle forniture russe, si sono bruscamente interrotte per un presunto caso di appropriazione indebita e prezzi gonfiati, che ha portato all’arresto del responsabile della compagnia statale che aveva negoziato i contratti.

Proprio lo sblocco delle forniture di carbone è l’intervento considerato più urgente dal Ministro dell’Energia ucraino Volodymyr Demchyshyn: “Soltanto così – ha detto – potremo assicurarci una produzione energetica a basso prezzo. Fino a quel momento non ci resta che utilizzare le centrali termiche. Ne abbiamo diverse, ma la carenza di combustibile ci impedisce di utilizzarle a pieno regime”.

Messa all’angolo, Kiev starebbe già negoziando l’importazione di energ ia elettrica da Mosca. Una mossa a cui paradosso vuole, che sia costretta proprio dall’inaccessibilità del carbone, provocata dai combattimenti con i ribelli pro-russi.

“Nel Consiglio dei ministri di oggi – dice l’inviato di euronews, Dmytro Polonsky – è maturata la promessa che fra due o tre giorni al massimo si procederà a sminare gli accessi alla stazione ferroviaria di Debaltsevo, in modo da recuperare fino a 50.000 tonnellate di carbone ucraino”.