ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Semifinali ancora tutte da giocare. Il punto sulla Champions di "The Corner"

Lettura in corso:

Semifinali ancora tutte da giocare. Il punto sulla Champions di "The Corner"

Semifinali ancora tutte da giocare. Il punto sulla Champions di "The Corner"
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Real Madrid, a caccia del suo decimo titolo in Champions League, ha ospitato al Santiago Bernabeu i campioni in carica del Bayern Monaco.

Carlo Ancelotti ha imbrigliato il contropiede dei tedeschi e difeso la sua metà campo, per poi andare a cercare il gol. Al 19° la rete di Karim Benzema ha regalato al Real Madrid il vantaggio e dimostrato l’efficacia della sua strategia.

Soprattutto sul finire dell’incontro, il Bayern ha dal canto suo dominato nel possesso palla e stretto gli avversari, senza però trovare nessuna chiara occasione da gol.

Il Real Madrid ha così messo a segno la vittoria casalinga numero 8 in Champions League. Tutto sta ora a vedere come gestirà il suo limitato vantaggio, nell’incontro di ritorno all’Allianz Arena.

“Abbiamo giocato un ottimo primo tempo – il commento a fine match dell’allenatore del Real Madrid, Carlo Ancelotti -. La squadra è fortissima nei contropiedi e abbiamo avuto tre o quattro occasioni lampanti. Contro una squadra come il Bayern non c‘è molto altro da fare se non puntare sul contropiede e difendere. E noi ci siamo riusciti per buona parte dell’incontro. Più alta è stata la difesa, meglio siamo riusciti a gestire”.

“Se avessero cercato un maggior possesso palla, la partita sarebbe probabilmente finita lì – l’analisi del collega del Bayern, Pep Guardiola -. Talvolta nel calcio si dice che si deve verticalizzare, ma così facendo si accelera il gioco, soprattutto alle estremità, ed è proprio in questo che il Real è imbattibile. Sul piano del contropiede sono i migliori al mondo. Hanno la tecnica, ma anche le gambe: sono calciatori, ma soprattutto atleti”.

In Champions League mai così avanti da 40 anni, l’Atletico Madrid ha affrontato i Campioni del 2012 del Chelsea, in semifinale invece per la 7a volta in 11 anni. Al Vicente Calderon, gli spagnoli hanno dominato, senza però trovare il gol.

Il pareggio a reti bianche rende ancora più interessante il ritorno a Londra. Da sottolineare che il Chelsea ha perso per infortunio il portiere Petr Cech e il capitano John Terry, entrambi fuori fino al termine della stagione. Per il match di ritorno, Mourinho non potrà quindi contare su nessuno dei due.

“Sapevamo già come avrebbero interpretato l’incontro – dice a fine match l’allenatore dell’Atletico Madrid, Diego Simeone -. Se non siamo riusciti ad avere la meglio sul loro gioco difensivo è perché l’hanno praticato al meglio. Il pareggio lascia l’esito ancora molto aperto. Vedremo la prossima settimana se questo zero a zero alla fine si rivelerà un miglior risultato per loro o per noi”.

“L’Atletico è una squadra davvero impegnativa, molto fisica, straordinaria nell’impostare il gioco e sulle palle ferme – commenta l’allenatore del Chelsea, Josè Mourinho -. Fermarli come siamo riusciti a fare, senza per di più un Mark Schwarzer al top della forma – perché certo non è stato l’uomo-match, credo sia già un buon risultato. Abbiamo difeso davvero bene”.