ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le sfide della Libia alla vigilia delle elezioni per la Costituente

Le sfide della Libia alla vigilia delle elezioni per la Costituente
Dimensioni di testo Aa Aa

“Circa due anni e mezzo dopo la caduta di Gheddafi la Libia sta ancora lottando per uscire da un periodo di transizione caotica. Qual è la situazione attuale nel Paese?”, chiede John da Londra.

Risponde Saïd Haddad, analista politico, docente-ricercatore presso il “Centre de recherche des écoles de Saint-Cyr Coëtquidan” e responsabile della rubrica “Libia” della rivista “L’Année du Maghreb”:

“Due anni e mezzo dopo la caduta di Gheddafi, la situazione in Libia può essere definita come delicata. Infatti i dirigenti libici devono affrontare diverse sfide. Il primo punto da sottolineare è il peso dell’eredità di Gheddafi. Dopo 42 anni di un regime complesso e particolare, tutto è da ricostruire in Libia”

“Per questo i libici hanno adottato una road map che si è tradotta, in particolare, nell’elezione di un’assemblea legislativa e la formazione di un governo espressione della volontà elettorale. Tuttavia, nonostante questi passi avanti, diversi elementi nel campo della sicurezza suscitano preoccupazione. L’esercito è debole e non riesce a imporsi di fronte alle milizie che, forti della legittimità conquistata attraverso la rivoluzione, si sono istituzionalizzate nel paesaggio politico”

“A questa insicurezza interna si aggiunge quella esterna e a tutto questo si aggiunge anche la questione del petrolio. Possiamo sperare che in Libia le elezioni del 20 febbraio per la Costituente permettano appunto di risolvere tutte queste sfide politiche e regionali e di rendere più chiaro il cammino da seguire per i dirigenti politici: andiamo verso una Libia unitaria, una Libia decentralizzata oppure una Libia federale?”

Se anche voi volete inviare una domanda a U-talk, cliccate qui in basso